• TUTTOSPACCI - Il portale degli spacci e degli outlet italiani

Cerca outlet per marchio

SALDI 2008

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Tratto da TELEFONO BLU  

 

Abruzzo
L’Aquila apre i Saldi il 5 per terminare il 18 febbraio seguita dalle altre 3 provincia l’8 di gennaio con termine il 21 esattamente come nel 2006
Ma i soldi a disposizione non saranno tanti fino al 15 di gennaio salvo che per il primo giorno in cui le consumatrici tenteranno di accappararsi i pezzi migliori. Nonostante tutto le previsioni indicano che almeno 110 milioni (- 2%)) verranno spesi in regione. Pescara (ove si spenderà di più circa il 30%) , Teramo 25% e l ‘Aquila il 28 %, Chieti 17 % Nella prima fase le consumatrici circa il 72 %, punteranno a conoscere i prezzi e confrontare i prodotti, da metà mese partiranno le vere spese.


’Telefono Blu ed Sos Consumatori" ha attivato un apposito centralino per segnalare gli eventuali casi di difformità numero unico 199.44.33.78 per tutta la Regione ed email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , (www.sosconsumatori.it e il sito della regione http://www.telefonoblu.it/abruzzo/index.htm) per segnalare tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza,messaggi ingannevoli,scarsa informazione) e per consigli ma anche per denunciare even-tuali abusi con "finti saldi " da parte degli esercizi commerciali,ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Le denuncie più rilevanti (lo scorso anno sono state 30 da Pescara, 22 da l’Aquila, 15 da Teramo e 10 da Chieti)sono per la merce che non riporta correttamente il prezzo, la mancata accettazione di carte di credito e bancomat e per mancato cambio di merce. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. Sos consumatori indica ai consumatori di visitare i negozi e fotografare le merci per valutare meglio il saldo ed il capo. Le accuse maggiori: Saldo finto, e capo non di stagione.

Campania
Saldi che iniziano per Napoli e Campania il 2 di gennaio (contro le aperture anticipate e fallite degli ultimi due anni a fronte anche di una riduzione dei turisti) Dei milioni di €uro previsti in Campania se ne spenderanno oltre 280 (10 di meno dello scorso anno) con intenzione di spesa media di circa 230 €uro a Napoli e 200 mediamente nel resto della regione (-20euro rispetto 2005) Napoli e la sua provincia raccoglieranno oltre la metà di questa ricchezza di cui a Napoli e isole circa 155 milioni di €uro. seguono Salerno con il 15%, Caserta con il 15%, Avellino 11% Benevento 9 %.
Telefono Blu Consumatori invita i consumatori a contattare il centralino a attivato un apposito 199.44.33.78 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , e per tutte le altre provincie della regione (www.sosconsumatori.it,   http://www.telefonoblu.it/campania/index.htm) per segnalare tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza,messaggi ingannevoli,scarsa informazione) e per consigli ma anche per denunciare eventuali abusi con "finti saldi " da parte degli esercizi commerciali,ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. 210 le chiamate da Napoli lo scorso anno.


Emilia Romagna
Bologna e l'Emilia e la Romagna partono con i saldi anticipando la tradizione il 5 di gennaio insieme a molte altre regioni per terminare il 5 di marzo nel tentativo di cogliere ancora l’onda lunga delle feste. Di fatto pero’ le vendite di Natale e le straordinarie hanno già attirato numerosi consumatori e tolto probabilmente dal mercato parecchia merce invenduta di stagione.
Dei milioni di €uro previsti i n Emilia Bologna e Romagna ne saranno spesi complessivamente quasi 380milioni. (come lo scorso anno) con intenzione media di spesa media di 300 €uro. A Bologna e provincia verranno spesi invece circa 135 milioni solo 98 nel capoluogo regionale (con intenzione di spesa di 330 euro) e 135 in Emilia (spesa di circa 320) : Modena 40 milioni Parma 30 Reggio 22 Ferrara e Piacenza 19. IN Romagna 110 milioni invece fra Ravenna 8%, Rimini, Forlì e Cesena invece 7%
Telefono Blu ed Sos Consumatori" ha attivato un apposito centralino per segnalare gli eventuali casi di difformità 199.44.33.78 ed il portale per inviare email www.sosconsumatori.it e quello regionale http://www.telefonoblu.it/emiliaromagna/index.htm valido per tutta le regione per segnalare tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza,messaggi ingannevoli,scarsa informazione) e per consigli ma anche per denunciare eventuali abusi con "finti saldi " da parte degli esercizi commerciali,ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Le denuncie più rilevanti (lo scorso anno sono state oltre 270 di cui 80 dalla Romagna 10 da Bologna e 80 dall’emilia) sono per la merce che non riporta correttamente il prezzo, la mancata accettazione di carte di credito e bancomat e per mancato cambio di merce. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. Sos consumatori indica ai consumatori di visitare i negozi e fotografare le merci per valutare meglio il saldo ed il capo. Le accuse maggiori: Saldo finto, e capo non di stagione.


Roma e Lazio
I Saldi iniziano il 5 gennaio (ben 8 giorni prima dello scorso anno) con durata 6 settimane. Nel Lazio e a Roma verranno spesi 410 milioni (nessuna crescita rispetto al 2006) A Roma si spenderà circa il 58% del malloppo con un intenzione media di spesa intorno ai 318 € per famiglia, profittando anche dei turisti, nel Lazio invece l’intenzione di spesa sara di 255 €uro.
Dopo Roma la provincia che venderà di più sarà Latina con il 19 % a seguire Frosinone il 11%, ancora Rieti al 8% e Viterbo al 6%. Ma i romani e laziali inizieranno a spendere proprio a partire dal primo stipendio che arriverà dopo la metà di gennaio.. Qualche occasione anche per i turisti. Ora l'attività maggiore sarà quella di capire con precisione quale è il prodotto che si vorrà comprare e a quale effettivo sconto verrà venduto.
’Telefono Blu Consumatori" ha attivato un apposito centralino per segnalare gli eventuali casi di difformità centralino unico 06.3751.8881 email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per Roma per il resto della Regione Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , e il portale regionale http://www.telefonoblu.it/lazio/index.htm e quello nazionale http://www.sosconsumatori.it/saldi.htm per segnalare tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza,messaggi ingannevoli,scarsa informazione) e per consigli ma anche per denunciare eventuali abusi con "finti saldi " da parte degli esercizi commerciali,ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Le denuncie più rilevanti (lo scorso 375 in regione solo da Roma 250) sono per la merce che non riporta correttamente il prezzo, la mancata accettazione di carte di credito e bancomat e per mancato cambio di merce. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. Sos consumatori indica ai consumatori di visitare i negozi e fotografare le merci per valutare meglio il saldo ed il capo. Le accuse maggiori: Saldo finto, e capo non di stagione.


Liguria e Genova
Saldi il giorno dell’Epifania non senza polemiche nel capoluogo di Regione, diversamente regolata nelle altre provincie per terminare per 45 giorni. E’ l’unica regione che ha deciso di differenziare il capoluogo dalle altre provincie. Vedremo se la scelta sarà stata oculata. La sensazione è che le altre 3 provincie vogliano raccogliere anche quel turismo che si affaccerà con la fine di febbraio. In Liguria si spenderanno presumibilmente 155 milioni di euro (poco meno dello scorso anno) . Di questi il 45 % verrà speso a Genova e provincia a seguire le provincie di Imperia 23% e Savona 19 % e La Spezia 13%. L’intenzione media di spesa per famiglia è di 290 euro, a Genova sarà di 270 circa. ’Telefono Blu Sos Consumatori" ha attivato il centralino unico te) 199.44.33.78 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per il resto della liguria e per la costa azzurra Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. '; document.write(''); document.write(addy_text60198); document.write('<\/a>'); //-->\n Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e il portale per inviare email http://www.sosconsumatori.it/saldi.htm, http://www.telefonoblu.it/liguria/index.htm valido per tutta le regione per segnalare tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza,messaggi ingannevoli,scarsa informazione) e per consigli ma anche per denunciare eventuali abusi con "finti saldi " da parte degli esercizi commerciali,ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Le denuncie più rilevanti sono state 145 solo 70 da Genova, segue la provincia di Imperia, poi Savona ed ultima La Spezia, per la merce che non riporta correttamente il prezzo, la mancata accettazione di carte di credito e bancomat e per mancato cambio di merce. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. Sos consumatori indica ai consumatori di visitare i negozi e fotografare le merci per valutare meglio il saldo ed il capo. Le accuse maggiori: Saldo finto, e capo non di stagione.


Lombardia
I Saldi vengono anticipati al 5 per terminare dopo due mesi. Prima regione in Italia saranno 450 milioni (meno del 2 % rispetto lo scorso anno) i soldi a disposizione delle famiglie. A Milano che sarà presa d’assalto il primo giorno di saldi verranno spesi qualcosa come 190 milioni di €uro (anche qui dato in leggera discesa) (oltre 1/3) ,seguiranno le provincie di Brescia 12%, Varese 9%, Bergamo 8%, Pavia 6 %, Mantova 7%, Como 6%, Lecco 4%,Cremona 6 % Lodi 3%, Sondrio 2% L’intenzione di spesa sarà mediamente per la famiglia Lombarda di 340 €uro a Milano sale ad oltre i 365 €uro.Gli italiani inizieranno a spendere proprio a partire dal primo stipendio che arriverà dopo la metà di gennaio.Occasioni anche per la vicina Svizzera –Canton Ticino.
’Telefono Blu ed Sos Consumatori" ha attivato un apposito centralino per segnalare gli even-tuali casi di difformità 199.44.33.78 e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per Lombardia e Ticino ed il portale per inviare email www.sosconsumatori.it e quello regionale http://www.telefonoblu.it/lombardia/index.htm valido per tutta le regione per segnalare tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza, messaggi ingannevoli, scarsa informazione) e per consigli, ma anche per denunciare eventuali abusi con "finti saldi " da parte degli esercizi commerciali,ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Le denuncie più rilevanti sono state 380 in Regione nello scorso anno di cui solo a Milano 210 sono: per la merce che non riporta correttamente il prezzo, la mancata accettazione di carte di credito e bancomat e per mancato cambio di merce. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. Sos consumatori indica ai consumatori di visitare i negozi e fotografare le merci per valutare meglio il saldo ed il capo. Le accuse maggiori: Saldo finto, e capo non di stagione.


Marche
Nelle Marche si spenderanno circa 92 milioni (-2%) ad Ancona oltre un terzo nella provincia di Pesaro ed Urbino 23%, segue la provincia di Ascoli e Fermo (23%) Macerata 15%. con un intenzione media di spesa di 260 euro circa. I saldi partono dal 5 gennaio per terminare salvo revoche il 1di Marzo (esattamente anticipate di due giorni) ma questa volta Ancona apre il giorno dell’Epifania, non senza qualche polemica
Telefono Blu Consumatori: ha attivato un apposito centralino per segnalare gli eventuali casi di difformità 199.44.33.78 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e il portale per inviare email http://www.sosconsumatori.it/saldi.htm e regionale http://www.telefonoblu.it/marche/index.htm per segnalare tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza,messaggi ingannevoli,scarsa informazione) e per consigli ma anche per denunciare eventuali abusi con "finti saldi" da parte degli esercizi commerciali, ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Le denuncie sono state 145 lo scorso anno in regine, metà di queste dalla provincia di Ancona poi da Pesaro ed Ascoli. Motivazioni: per la merce che non riporta correttamente il prezzo, la mancata accettazione di carte di credito e bancomat e per mancato cambio di merce. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. Sos consumatori indica ai consumatori di visitare i negozi e fotografare le merci per valutare meglio il saldo ed il capo. Le accuse maggiori: Saldo finto, e capo non di stagione.


Piemonte
Il Piemonte apre i saldi il 5. . Ma i soldi a disposizione non saranno tanti, e per questo l'anticipazione dei saldi serve solo come effetto per evitare le prevendite, ma già nel periodo natalizio le vetrine riportavano almeno il 30-35% di sconti, visto che sono stati utilizzati nelle vacanze di Natale e Capodanno. Nonostante tutto le previsioni indicano che nel Piemonte verranno spesi oltre 300 milioni solo -1% rispetto lo scorso anno (il 35% nella area di Torino) Segue Novara con il 17%, poi Alessandria 14%, Asti 10%, Cuneo 8%, Biella 6% Vercelli e Verbania 5%. Un intenzione media di spesa intorno ai 300 €uro per il Piemonte e di 290 per Torino città. Nella prima fase le consumatrici circa il 75% punteranno a conoscere i prezzi e confrontare i prodotti, da metà mese partiranno le vere spese.

"Telefono Blu ed Sos Consumatori" ha attivato un apposito centralino per segnalare gli eventuali casi di difformità 199.44.33.78 per Piemonte ed Aosta 1 e mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. '; document.write(''); document.write(addy_text31983); document.write('<\/a>'); //-->\n Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , www.sosconsumatori.it e http://www.telefonoblu.it/piemonte/index.htm valido per tutta le regione per segnalare tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza,messaggi ingannevoli,scarsa informazione) e per consigli ma anche per denunciare even-tuali abusi con "finti saldi " da parte degli esercizi commerciali,ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Le denuncie più rilevanti (lo scorso anno oltre 270 le segnalazioni in Regione di cui solo a Torino 120 sono per la merce che non riporta correttamente il prezzo, la mancata accettazione di carte di credito e bancomat e per mancato cambio di merce. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. Sos consumatori indica ai consumatori di visitare i negozi e fotografare le merci per valutare meglio il saldo ed il capo. Le accuse maggiori: Saldo finto, e capo non di stagione.


Puglia
I Saldi iniziano quindi IL5 gennaio a Bari in Puglia per terminare il 28 come lo scorso anno, salvo altre delibere, anticipando dunque di due giorni.
in Puglia ne verranno spesi presumibilmente 198 milioni (-2%), con intenzione di spesa media di 260 €uro. Bari insieme ad Andria Barletta da sola gestirà un terzo di questa ricchezza. Seguono Foggia con il 18%, poi Taranto 18%, Lecce 17% e Brindisi con il 13%
"Telefono Blu ed Sos Consumatori" ha attivato un apposito centralino per segnalare gli eventuali casi di difformità 199.44.33.78 email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. '; document.write(''); document.write(addy_text57804); document.write('<\/a>'); //-->\n Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e il portale per inviare http://www.sosconsumatori.it/saldi.htm, http://www.telefonoblu.it/puglia/index.htm per segnalare tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza,messaggi ingannevoli,scarsa informazione) e per consigli ma anche per denunciare eventuali abusi con "finti saldi " da parte degli esercizi commerciali,ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Le denuncie più rilevanti sono state 145 (in testa Bari e Lecce e Taranto) sono per la merce che non riporta correttamente il prezzo, la mancata accettazione di carte di credito e bancomat e per mancato cambio di merce. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. Sos consumatori indica ai consumatori di visitare i negozi e fotografare le merci per valutare meglio il saldo ed il capo. Le accuse maggiori: Saldo finto, e capo non di stagione


Sardegna
I saldi iniziano per Cagliari e la Sardegna l'8 di gennaio per terminare l'8 di marzo come lo scorso anno.
In Sardegna verranno spesi 128 milioni di euro (-3% rispetto 2007) solo a Cagliari e Provincia e Provincia di Iglesias ne veranno spesi 56, segue la provincia di Sassari e quella di Olbia con 32, ancora Nuoro 10, Oristano con 10.il resto alle nuove provincie) con un intenzione media di spesa intorno ai 230 € a Cagliari e mentre a Sassari Olbia 250 Euro. Le famiglie inizieranno a spendere a partire dal primo stipendio che arriverà dopo la metà di gennaio. Sono andate bene anche le promozioni iniziate prima di Natale hanno già conquistato il 25% del mercato.

"Telefono Blu ed Sos Consumatori" ha attivato un apposito centralino per segnalare gli eventuali casi di difformità 199.44.33.78 email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per il resto dell'Isola e il portale per inviare email http://www.sosconsumatori.it/saldi.htm, per la regione http://www.telefonoblu.it/sardegna/index.htm valido per tutta le regione per segnalare tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza,messaggi ingannevoli,scarsa informazione) e per consigli ma anche per denunciare eventuali abusi con "finti saldi " da parte degli esercizi commerciali,ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Le denuncie più rilevanti sono state oltre 110 di cui solo 65 da Cagliari, segue la provincia di Sassari e Olbia: sono per la merce che non riporta correttamente il prezzo, la mancata accettazione di carte di credito e bancomat e per mancato cambio di merce. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. Sos consumatori indica ai consumatori di visitare i negozi e fotografare le merci per valutare meglio il saldo ed il capo. Le accuse maggiori: Saldo finto, e capo non di stagione.


Sicilia
I Saldi iniziano il 5 gennaio(anticipo di 2gg) per terminare il 5 di marzo o giorno previsto dagli accordi. Dei milioni di €uro previsti la Sicilia ne disporrà complessivamente per 225 milioni di €uro (+2%) Solo le famiglie di Palermo e Catania insieme ne spenderanno 125 milioni €uro (60 per Catania e 65 per Palermo) il resto alle altre zone in testa Messina 32 milioni (+2%). Ogni famiglia di Palermo e di Catania spenderà presumibilmente almeno 250 €uro, nelle altre zone invece una media di 205 €uro. I Siciliani inizieranno a spendere proprio a partire dal primo stipendio che arriverà dopo la metà di gennaio. Ora occorre ricordare il prezzo di ciò che si vuole comprare.
’Telefono Blu ed Sos Consumatori" ha attivato un apposito centralino per segnalare gli eventuali casi di difformità centralino unico 199.44.33.78 email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per Sicilia Occidentale e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. '; document.write(''); document.write(addy_text96251); document.write('<\/a>'); //-->\n Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per Sicilia orientale, e il portale per inviare email http://www.sosconsumatori.it/saldi.htm per la regione http://www.telefonoblu.it/sicilia/index.htm per segnalare tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza,messaggi ingannevoli,scarsa informazione) e per consigli ma anche per denunciare eventuali abusi con "finti saldi " da parte degli esercizi commerciali,ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Le denuncie più rilevanti sono state lo scorso anno 170 Catania 60, Palermo 50 Messina 15. Sono state per la merce che non riporta correttamente il prezzo, la mancata accettazione di carte di credito e bancomat e per mancato cambio di merce. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. Sos consumatori indica ai consumatori di visitare i negozi e fotografare le merci per valutare meglio il saldo ed il capo. Le accuse maggiori: Saldo finto, e capo non di stagione.


Toscana
Firenze e la Toscana partono il 7 insieme ad altre 8 regioni per terminare il 7 di marzo (tutto secondo tradizione) IN Toscana saranno spesi complessivamente quasi 280 (nessun incremento rispetto al 2007)  (oltre il 40% a Firenze tenendo conto anche dei turisti) , l’intenzione media di spesa è per Firenze sui 300 €uro, per le altre provincie intorno ai 280 €uro.Dopo Firenze le provincie più attive saranno, Lucca,Arezzo, Grosseto, Prato, Siena e Livorno.

’Telefono Blu ed Sos Consumatori" ha attivato un apposito centralino per segnalare gli eventuali casi di difformità 199.44.33.78 email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , e per tutte le altre provincie: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e il portale per inviare email www.sosconsumatori.it, http://www.telefonoblu.it/toscana/index.htm valido per tutta le regione per segnalare tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza,messaggi ingannevoli,scarsa informazione) e per consigli ma anche per denunciare eventuali abusi con "finti saldi " da parte degli esercizi commerciali,ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Le denuncie più rilevanti (lo scorso anno oltre 250 segnalazioni una buona metà da Firenze a seguire Pisa e Livorno) sono per la merce che non riporta correttamente il prezzo, la mancata accettazione di carte di credito e bancomat e per mancato cambio di merce. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. Sos consumatori indica ai consumatori di visitare i negozi e fotografare le merci per valutare meglio il saldo ed il capo. Le accuse maggiori: Saldo finto, e capo non di stagione.


Umbria
Il 7 di gennaio anche l’Umbria come molte altre regioni italiane parte con i saldi e per terminare il 7 di marzo come tradizione. . Perugia e Terni ne spenderanno divisi quasi equamente con un leggero vantaggio per il capoluogo Perugino, nel totale circa 97 milioni (-3%) con un intenzione media di spesa 265 €uro, più o meno le cifre dello scorso anno. Nella prima fase infatti le consumatrici circa il 75%, punteranno a conoscere i prezzi e confrontarli i prodotti, da metà mese partiranno le vere spese.

"Telefono Blu ed Sos Consumatori" ha attivato un apposito centralino per segnalare gli eventuali casi di difformità numero unico 199.44.33.78 email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , http://www.sosconsumatori.it/saldi.htm http://www.telefonoblu.it/umbria/index.htm valido per tutta le regione per segnalare tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza,messaggi ingannevoli,scarsa informazione) e per consigli ma anche per denunciare even-tuali abusi con "finti saldi " da parte degli esercizi commerciali,ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Le denuncie più rilevanti sono state lo scorso anno 56 equamente divise fra le due provincie, le chiamate sono per la merce che non riporta correttamente il prezzo, la mancata accettazione di carte di credito e bancomat e per mancato cambio di merce. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. Sos consumatori indica ai consumatori di visitare i negozi e fotografare le merci per valutare meglio il saldo ed il capo. Le accuse maggiori: Saldo finto, e capo non di stagione


Veneto

Il Veneto inizia il 5 (due giorni prima) per chiudere a fine febbraio. In Veneto ne saranno spesi circa 330 (come lo scorso anno) (in testa Verona e Venezia con il 20% segue Padova con il 16 % poi Treviso 14% Vicenza 10 %, ecc) . con intenzione media di spesa praticamente uguale in tutte le provincie di 310 euro. (15 euro di meno del 2007)
’Telefono Blu ed Sos Consumatori" ha attivato un apposito centralino per segnalare gli eventuali casi di difformità 199.44.33.78 per le email e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. '; document.write(''); document.write(addy_text68790); document.write('<\/a>'); //-->\n Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e il portale per inviare email www.sosconsumatori.it, http://www.telefonoblu.it/veneto/index.htm per tutta le regione per segnalare via email tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza,messaggi ingannevoli,scarsa informazione) e per consigli ma anche per denunciare eventuali abusi con "finti saldi " da parte degli esercizi commerciali,ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Le denuncie più rilevanti (lo scorso anno furono 199 le segnalazioni dalla Regione con in testa Verona seguita da Venezia e Padova) per la merce che non riporta correttamente il prezzo, la mancata accettazione di carte di credito e bancomat e per mancato cambio di merce. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. Telefono Blu Consumatori indica ai consumatori di visitare i negozi e fotografare le merci per valutare meglio il saldo ed il capo. Le accuse maggiori: Saldo finto, e capo non di stagione.


Trento e Bolzano
Il 7 di gennaio partono i Saldi anche nella Provincia di Trento (a Bolzano il giorno 7 cambiando per l’ennesima volta per terminare il 16 febbraio saldi corti per intenderci) per terminare l’ultimo giorno di febbraio che quest’anno sarà bisestile. Si farà presa anche sui molti turisti italiani e non presenti nei fine settimana e nelle settimane bianche e anche provenenti dall’Austria e Baviera (costituiranno ben il 33% delle entrate) . Trento e Bolzano vedranno entrate per 146 milioni (un 2% di meno rispetto al 2007) divisi quasi equamente fra le due provincie. con un intenzione media di spesa intorno ai 310 € (meno dello scorso anno). Nella prima fase le consumatrici circa il 70%, punteranno a conoscere i prezzi e confrontare i prodotti, da metà mese partiranno le vere spese.

"Telefono Blu ed Sos Consumatori" ha attivato un apposito centralino per segnalare gli eventuali casi di difformità, numero unico 199.44.33.78 per tutte e due le Province, www.sosconsumatori.it, e per inviare email dal sito http://www.telefonoblu.it/trentino/index.htm valido per tutta le regione per segnalare tutti i problemi (irregolarità, mancanza di trasparenza,messaggi ingannevoli,scarsa informazione) e per consigli ma anche per denunciare even-tuali abusi con "finti saldi " da parte degli esercizi commerciali,ricordiamo che gli abusi sono puniti con multe a partire da oltre 1000 € nelle grandi città. Le denuncie più rilevanti (lo scorso anno segnalazioni sono state 37 da Trento e 29 da Bolzano le chiamate) sono per la merce che non riporta correttamente il prezzo, la mancata accettazione di carte di credito e bancomat e per mancato cambio di merce. Si tratta di buone opportunità ma ovviamente occorre come sempre fare attenzione. Sos consumatori indica ai consumatori di visitare i negozi e fotografare le merci per valutare meglio il saldo ed il capo. Le accuse maggiori: Saldo finto, e capo non di stagione.

primi sui motori con e-max

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Account Tuttospacci

Abbiamo 59 visitatori e nessun utente online

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e per permetterti di utilizzarlo meglio. I cookie utilizzati per il funzionamento di questo sito sono già stati impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information